Sibylle Geiger

Pittrice e Costumista

I colori di Sibylle Geiger

C’è qualcosa di straordinariamente puro nel tratto di Sibylle Geiger, una maniera di dosare il colore e di dar forma alle sue visioni che ci propone immagini limpide e profonde. La prima sensazione davanti a queste venti tele, esposte nella galleria “Al Vicolo”, in vicolo Sforza Cesarini a due passi da piazza dell’Orologio, è quella di una persona che sappia realmente fare i conti con i propri sogni, ma nel senso più squisitamente pittorico della questione. Vale a dire che quella sorta di “velo” che intravediamo in molte opere, quel tocco di oniricità quasi metafisica, non risulta assolutamente artificioso. La Geiger riesce veramente a portarci con dolcezza dentro le sue tele, a proporci con gran naturalezza quel suo mondo. Questo genere di sovrapposizione realtà-immaginazione è la chiave di volta di molta pittura contemporanea, ma è anche presente – perché no? – nel cinema, nel teatro, nella letteratura. Quante volte, magari, abbiamo apprezzato un verso poetico per la naturalezza con la quale ci porta in un sogno, o ci procura una determinata suggestione? E nel percorso dell’artista svizzera c’è sicuramente spazio per la evoluzione di un istinto alla chiarezza. Basti pensare all’enorme esperienza come costumista e scenografa: a Parigi con Yves Bonnat, poi Stoccarda, Berlino, Monaco; una quantità infinita di lavori con gente importante sino al suo arrivo a Roma nel 1962 per lavorare come costumista nel cinema, per quattordici anni. Uno dei suoi lavori, nel quale un po’ più si intravede l’immaginario da scenografa e costumista, che abbiamo particolarmente amato è “Metamorfosi” del 1995. Una strada che potrebbe essere Trastevere, ma non ci interessa per questo. È “la” strada che riusciamo a fare anche nostra, è l’immagine sospesa nel tempo con la quale riusciamo a sintonizzarci, della quale percepiamo alcuni palpiti. Forse questo senso di attesa, di “stand-by” direbbero i tecnici di oggi, è quello che più ci riporta al senso di attesa che si ha guardando certi progetti scenografici. Ma è questa attesa che viene sublimata, vale a dire che è caricata, potenziata, arricchita di tante piccole cose. Per esempio i tratti cromatici dei panni stesi, sovrapposti in modo assai singolare, al punto da non avere volutamente riguardo di certe leggi prospettiche; ma quelli sono – comunque – “i panni” stesi dei nostri ricordi. Così come la leggera ombra della rientranza dei portoni, che li rende abitati, vivi. Un modo di giocare con la luce che troviamo anche in un’altra opera: “Arco de’ Tolomei”, sempre del 1995. L’ombra dei portoni dei due edifici sulla destra del quadro rende giustizia alla loro plasticità, ad un modo di giocare con le chiazze di luce. Lo stesso spazio stradale è sospeso, sembra quasi avvolto da una nebbia.
Quella nebbiolina, quel modo di giocare con la luce rendono quadri come “Città ideale” del 1996, “Bosnia” del 1995, assai preziosi indizi di un immaginario che ci invita anche alla riflessione al silenzio. Come scrive Roberto Curi nella scheda che accompagna il delizioso catalogo:”Squarci di un mondo migliore, bagliori di reminiscenze, il paesaggio sfumato in un orizzonte definito che recupera momenti interessanti, li fa rivivere e li inserisce nel contesto valorizzandoli: questo forse è quanto l’artista ha saputo offrire”.

Max Balazs

View the embedded image gallery online at:
http://sibyllegeiger.it/it/mostre/roma-1998.html#sigProIddfe2b60617

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile sul nostro sito web.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente ne accetta la trasmissione sul proprio dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa Cookies

 

Informativa ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 (c.d. codice privacy)

Ai sensi dell’art. 13 del Codice Privacy ed in ottemperanza alle prescrizioni del Provvedimento 229/2014 del Garante per la Protezione dei Dati Personali, si informa che il presente sito utilizza le seguenti tipologie di cookie (ossia dei piccoli file di testo che i siti visitati inviano al tuo device, dove vengono poi memorizzati al fine di essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva):

 

Cookie tecnici

Quei cookie strettamente necessari per permettere:

La navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di autenticarsi per accedere ad aree riservate, "cookie di navigazione o di sessione");

La raccolta di informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso ("cookie analytics");

La navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto, "cookie di funzionalità") al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

Tali cookie sono installati direttamente da questo sito e poiché non vengono utilizzati per scopi ulteriori rispetto a quelli funzionali sopra descritti la loro installazione non richiede il tuo consenso.

 

Cookie di profilazione di terze parti
Tali cookie sono installati da soggetti diversi da questo sito e l’installazione degli stessi richiede il tuo consenso; in mancanza gli stessi non saranno installati.

Ti riportiamo quindi di seguito i link alle informative privacy delle terze parti dove potrai esprimere il tuo consenso all’installazione di tali cookie evidenziando che, laddove non effettuassi alcuna scelta e decidessi di proseguire comunque con la navigazione all’interno del presente sito web, acconsentirai all’uso di tali cookie.

Google+ - Informativa: http://www.google.com/intl/it_it/policies/technologies/types/
Facebook - Informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Twitter - Informativa: https://support.twitter.com/articles/20170519-uso-dei-cookie-e-di-altre-tecnologie-simili-da-parte-di-twitter
YouTube - Informativa: https://www.youtube.com/static?template=privacy_guidelines&gl=IT

 

Gestione dei cookie e configurazione dei browser

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser.

Attenzione:
La disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito.

La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità.

L'impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”.

A titolo di esempio, in Firefox, attraverso il menu Strumenti -> Opzioni -> Privacy, è possibile accedere ad un pannello di controllo dove è possibile definire se accettare o meno i diversi tipi di cookie e procedere alla loro rimozione.

    Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
    Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie
    Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9
    Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html
    Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

 

Fermo restando quanto precede, informiamo che l’Utente può avvalersi di Your Online Choiceshttp://www.youronlinechoices.com. Attraverso tale servizio è possibile gestire le preferenze di tracciamento della maggior parte degli strumenti pubblicitari. E' possibile pertanto utilizzare tale risorsa in aggiunta alle informazioni fornite dal presente documento.